NATURA E TECNICA

Il prof. Umberto Galimberti durante una conferenza

Image via Wikipedia

Nel saggio “Psiche e Techne” il filosofo Umberto Galimberti propone un’interpretazione storica del rapporto tra Natura e Tecnica, secondo la quale gli antichi Greci avrebbero considerato la Natura come l’Ordine stesso del Cosmo (sigillo di Necessità). Riporto le citazioni che aprono questo capitolo:

“La tecnica è di gran lunga più debole della necessità”
Eschilo, Prometeo incatenato, v.514

“Conoscerai come la Necessità,
guidando la volta celeste,
costringe gli astri a tenere i confini”
Parmenide

Secondo questa concezione, l’uomo, pur avvalendosi della Techne concessa da Prometeo, non è in grado di assoggettare la Natura, anzi, per sopravvivere è costretto a ritaglirsi uno spazio fra le mura cittadine, governato da leggi umane (nomoi), che rimangono comunque subordinate all’Ordine del Cosmo (Nomos).  Inoltre il Cosmo, per definizione, non essendo nè opera umana nè opera divina, non può essere assoggettato, nè dagli dei, nè dall’uomo o dalla sua Techne. Anzi, l’uomo deve riconoscersi nel Cosmo di cui è parte. Anche le prime società giudaico-cristiane concepivano la Natura come un ente al di quà o al di là dell’etica.

Solo recentemente, in seguito allo sviluppo tecnologico, è nato il concetto di “vulnerabilità della natura” e conseguentemente quello di responsabilità umana verso la natura.    Secondo Galimberti, l’attuale crisi ecologica deriverebbe dal progresso autoreferenziale della tecnica, i cui danni sfuggirebbero al sapere previsionale umano.

Nel saggio “Il Principio Responsabilità” invece, il filosofo H. Jonas mette in luce la dignità teleologica della Natura, oggi considerata solamente un mezzo per la sopravvivenza umana -persino dall’ecologia!-, e ritiene legittimo parlare di diritti della Natura.

Concludo dicendo che, se la Techne umana sta danneggiando la Natura, ormai soltanto Techne sarà in grado di rimediare a questi danni, perchè dopo il “crepuscolo degli dei” non c’è più un garante dell’Ordine, e la responsabilità è totalmente nostra.

Questa voce è stata pubblicata in ecosofia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...